Sport | Venaria Reale | 22/11/2023 11:56:35

Venaria si aggiudica un altro premio da ACES Europe : Sports & Sustainability (FOTO STRUTTURE SPORTIVE)


Venaria 2025: una vittoria da record e un futuro sportivo brillante per la città


Venaria Reale ha fatto la storia aggiudicandosi il prestigioso titolo di "Città Europea dello Sport" per il 2025. In una lettera ufficiale firmata da ACES Europe, tutti i comuni partecipanti hanno superato il punteggio minimo richiesto per ottenere il riconoscimento. Di conseguenza, il titolo di "European City of Sport 2025" è stato assegnato a tutte le città che ne hanno fatto richiesta: Ascoli Piceno, Chieti, Jesolo, Mogliano Veneto, Novara, Seregno, Taranto e Venaria Reale. I cittadini di Venaria Reale possono ora festeggiare il titolo di "Città Europea dello Sport 2025" e sentirsi orgogliosi delle eccellenti strutture sportive della città. Tuttavia, è importante notare che, alcune di queste strutture ,necessitano di attenzioni immediate. Tra queste, il bocciodromo di via Giolitti (chiuso dal 2019), la megastruttura di calcio a 11 del Don Mosso, abbandonata da anni, così come i rotoliere e i campi da calcio della San Francesco. Attualmente, molte di queste strutture versano in uno stato di decadenza, con erba alta oltre i 2 metri, rendendo plausibile l'ipotesi di praticare sport estremi a Venaria.
Tuttavia, sorge una domanda fondamentale: costi e benefici? 
Alcuni punti del programma previsto nel dossier:

Come specificato sul  sito dell' ACES Europe Italia, e come riportato giustamente sul comunicato stampa pubblicato sui social dal Partito Democratico, dal Movimento 5 stelle, dalla Lista civica uniti per Cambiare e   Sinistra Civica , il costo della candidatura come Città Europea dello Sport per il 2025 ammonta a 2.350 euro. Cui si sono aggiunti altri 20.000.00 spesi dalla Giunta per la preparazione del dossier di candidature e per ospitare i Commissari di ACES Europe/Italia in visita per valutare la candidatura. Ma il processo non termina qui: la Commissione dell'associazione no profit ACES Europe, con sede a Bruxelles (Non è un organo dell'Unione Europea), ha richiesto al Municipio, prima della valutazione, un programma dettagliato. Tale programma doveva includere il nominativo della persona addetta all'accoglienza, i dettagli dei titoli di viaggio e della sistemazione alberghiera, il calendario delle visite agli impianti sportivi, la sede e l'ora della conferenza stampa per la comunicazione ai media locali del progetto associato alla candidatura e ogni altro elemento rilevante. Inoltre, il Municipio è responsabile dei costi di viaggio, vitto e alloggio per l'intera Commissione di Valutazione, come stabilito dall'articolo 20 del Regolamento ACES Europe. È importante notare che il riconoscimento del titolo di "European City of Sport 2025" per i comuni non comporta esborsi diretti per il Municipio, tranne all'atto della presentazione della candidatura e le spese sostenute per la progettazione del progetto  e il dossier. Tuttavia, è essenziale rispettare gli accordi stipulati per garantire il successo del processo e consolidare il ruolo della città come protagonista nel panorama sportivo.Nell'accordo stipulato all’atto della candidatura si legge che il Municipio si impegna ad individuare uno o più sponsor e partner (massimo 4) che verseranno ad ACES Europe la somma complessiva prevista di euro 5000. Gli sponsor/partner dovranno essere riportati sotto al logo della Città in tutte le comunicazioni e promozioni che saranno realizzate.  Inoltre, Aces Europe procederà alla comunicazione attraverso sponsor/partner in spazi pubblicitari ceduti dal Municipio a titolo gratuito ad ACES Europe, o ad altra società indicata da ACES Europe, spazi pubblicitari determinati in base alla categoria del premio ottenuto.Grazie a questo accordo, verranno promossi anche gli sponsor locali, l'internazionalizzazione degli stessi e verrà rispettato il Piano Industriale di ACES Europe sulla base della Buona Governance, progetto sviluppato nel 2014 su richiesta dell'Unione Europea nell'ambito del Secondo numero EAC-2013-0379. L’amministrazione dovrà rispettare il programma delle attività indicate nel dossier per dare maggiore visibilità alle attività . Inoltre durante l'anno dovrà inviare alla Segreteria Generale ACES Europe una relazione trimestrale delle attività svolte, corredata da foto ed allegati e quanto altro utile per fornire un dettagliato ed esaustivo report.
I premi assegnati: 
Il Comune di Ascoli Piceno è il vincitore della 3.a edizione dell'ACES International Video Awards. Il contest realizzato da ACES Italia, all'interno della XII edizione dell'Overtime Festival di Macerata,ha premiato la qualità del video prodotto dal Comune della Regione Marche, che dopo undici anni si è ricandidata al titolo di European City of Sport 2025.
La Regione Veneto ha vinto lo speciale premio di ACES Cinema e avrà un contributo di 2000 euro per acquisto di materiale multimediale per le scuole del territorio, mentre il Comune di Codogno conquista il premio Decathlon, che donerà un canestro al Municipio lombardo.
Elenco premi:
Miglior Video: Ascoli Piceno (Italia)
Project Idea: Viana do Castelo (Portogallo) – Leon (Messico)
Social inclusion special award Decathlon: Codogno (Italia) 
Project Creativity: Martorell (Spagna) – Sanary sur Mer (Francia)
Link with the socio-cultural and territorial context: Sakarya (Turchia) – La Roda (Spagna)
Promotion of sport activities and values – Regione Veneto (Italia)
Relevance to the Values of Sport – Seregno (Italia) – Caorle (Italia)
Emotional Impact – San Juan (Argentina)
Sports Tourism – Comunità Alpe Cimbra (Italia) – Taranto (Italia)
Sports & Sustainability – Comunità Pirineu Català – Venaria Reale (Italia).
Presidente ACES Italia Vincenzo Lupattelli, ha dichiarato: " l'Italia si dimostra Paese in prima fila nel grande mondo ACES e ciò ci rende orgogliosi del lavoro fatto sul territorio. Congratulazioni infine a tutti i Comuni italiani che hanno ottenuto il titolo nel 2025 e alle Comunità del 2024, che festeggeremo insieme a Bruxelles nella casa di tutti gli europei il prossimo 7 dicembre".
I firmatari del comunicato stampa, ovvero il Partito Democratico, il Movimento 5 Stelle, la Lista Civica "Uniti per Cambiare" e Sinistra Civica, dichiarano: “Non possiamo essere indifferenti e questa narrazione dell’amministrazione più social di sempre quando gli impianti sportivi della città versano in pessime condizioni, piove nelle palestre e si tenta un’operazione di marketing politico, facendo credere che ci sia un riconoscimento istituzionale. Poi va capito come politiche che prevedano l’assegnazione sistematica a privati, possano garantire l’accessibilità e l’inclusività . Diciamo che da una città che si candida come città dello sport, e quindi ad esaltare i valori di correttezza, ci si aspetta di più, soprattutto nei confronti dei propri cittadini ma in questo caso purtroppo di sportivo non c’è stato nulla ….. e di sportività neanche l’ombra!”
In conclusione, Venaria Reale è la Città dello Sport Europeo 2025, con la speranza che le strutture lasciate al degrado saranno ripristinate prima del 2025 per offrire la possibilità a tanti giovani e adulti di praticare attività nelle strutture sportive comunali. E da sottolineare che nel progetto non è stato quantificato l’onere della gestione  e delle eventuali spese che il comune affronterà durante l’anno  per la gestione dell’evento  “Città dello Sport Europeo 2025”.
Per ulteriori dettagli e approfondimenti, visitare il seguente link: 
https://www.acesitalia.eu/



Autore:
Nicola Cuomo