Strade e viabilità | Torino | 01/07/2024 00:15:55

Emergenza maltempo in Piemonte : Cirio chiede lo stato di emergenza al capo della Protezione Civile Nazionale


Maltempo in Piemonte: i luoghi delle frane, evacuazioni e allagamenti – La Regione chiede lo stato di emergenza


Da ieri sera sono al lavoro gli uomini della Protezione civile del Piemonte guidati dal responsabile del settore Franco De Giglio per seguire l’andamento della perturbazione e coordinare gli interventi in stretto raccordo con le Prefetture di Torino e del Verbano Cusio Ossola.
"Da ieri sera sono personalmente in contatto con i sindaci delle zone colpite: abbiamo monitorato per tutta la serata e nella notte l’andamento della perturbazione che ha colpito alcune zone del Piemonte - dichiara il presidente della Regione Alberto Cirio - I danni più seri di sono registrati sul fronte del Gran Paradiso, nel Canavese, nelle valli Orco e di Lanzo e nella zona di Macugnaga. La Sala regionale è operativa e i nostri tecnici sono al lavoro e stanno raggiungendo le zone colpite per una prima conta dei danni e per individuare con i Comuni i primi urgenti interventi di ripristino. Sono in contatto con la Regione Valle d’Aosta e questa mattina ho sentito al telefono il Capo dipartimento della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio, per la richiesta dello stato d’emergenza".
La Protezione civile rende noto che le situazioni particolarmente significative hanno interessato nella nottata la Valle Orco e la Valle Soana. I volontari sono stati sul posto e hanno supportato le amministrazioni coinvolte dall'evento.
A Chialamberto ci sono tre frazioni isolate ed è stata disposta l'evacuazione in via precauzionale di due condomini per un totale di circa 20 persone, ospitate presso i locali allestiti nella palestra comunale con il supporto dei volontari.
Tra Noasca e Locana c'è una frana che impedisce la circolazione sulla statale 460 per Ceresole Reale: la Città metropolitana inizierà questa mattina le operazioni di rimozione. I vigili del fuoco hanno evacuato a piedi, oltre la frana, 35 persone che erano in un ristorante a cena e che hanno trascorso la notte in un centro allestito a Locana. Da segnalare intervento dei vigili del fuoco di Torino effettuato stanotte tra Montanaro e San Benigno Canavese per il salvataggio di due adulti e di una neonata di 3 mesi bloccati in auto per l'innalzamento dell'acqua del torrente Orco.
Durante la notte è stato monitorato anche il territorio del nodo idraulico d'Ivrea, in quanto si è verificato un significativo innalzamento dei livelli della Dora Baltea, che in Valle d'Aosta in alcune stazioni hanno superato il livello di pericolo/rosso. La piena in Piemonte è passata nella notte con livelli contenuti entro quello di guardia.
Situazione critica anche a Macugnaga, nel Verbano Cusio Ossola. E’ esondato un torrente che attraversa il paese e ha allagato la strada che porta al centro, impedendo l'accesso a livello della località Staffa. Stanno operando squadre dei Vigili del fuoco, del Soccorso alpino ed i volontari del Coordinamento regionale. Manca l'energia elettrica a circa 1500 utenze, per le quali la centrale operativa di Enel ha disposto l'invio di personale per consentire il ripristino del servizio, che si presenta complicato per l'allargamento di alcune cabine. Al momento ne sono state ripristinate circa 500.



Autore:
Redazione